E oggi chi sono?

La mia foto
Condannata dal vizio della lettura veloce a divorare libri su libri mi sono resa conto che mi piace non solo sfogliarli, annusarli, toccarli, prenderli e darli in prestito, rubarli, nasconderli, regalarli... ma persino parlarne fino all'esaustione.

martedì 5 febbraio 2019

Il pensionante - Marie Belloc Lowndes (1913)

Image result for il pensionanteSe non ho capito male questo è il primo romanzo in assoluto che dà un'interpretazione narrativa del mistero di Jack lo Squartatore legandola ai fatti di cronaca dell'epoca. 
Il libro si apre sulla descrizione di una coppia di coniugi in cerca di un pensionante perché le finanza della famiglia si stanno assottigliando. Per questo accolgono con entusiasmo e senza fare troppe domande quando uno sconosciuto appare in una notte nebbiosa e chiede di alloggiare lasciando un deposito di tutto rispetto.
I richiami agli omicidi efferati del serial killer più famoso sono innumerevoli e scandiscono la vita di questa coppia. La signora Bunting - il nostro principale punto di vista - comincia ben presto a sospettare del loro pensionante ma tiene la bocca chiusa per non perdere l'unica fonte di reddito per la sua famiglia.
Per tutto il libro ho, onestamente, fatto il tifo per questa famiglia che si strugge tra il senso di colpa e il terrore atavico di rimanere senza sostentamento. Ci sono passaggi molto teneri in cui la moglie guarda il marito godersi la sua pipa, un piccolo vizio che si era tolto per non pesare sul bilancio. D'altra parte c'è tutta l'angoscia di dover tenere un segreto così conturbante che comincia a pesare sulla psiche della donna. Fino in fondo al libro si spera e si teme che Jack venga scoperto, sapendo comunque che l'autrice ha seguito in maniera perfetta lo svolgersi degli eventi secondo le cronache del tempo e quindi non c'è lo svelamento del colpevole.
Eppure il libro finisce con un colpo di teatro che lascia soddisfatti dando una spiegazione ragionevole alla repentina sparizione dell'efferato assassino.

Consiglio di lettura: Un bel libro, che tiene con il fiato sospeso. Lo consiglio a tutti quelli che una volta si sono imbattuti nel mistero di Jack lo squartatore e si sono chiesti chi fosse, da dove venisse e dove sia poi scomparso. Davvero davvero ben scritto.

E io cosa leggo adesso?

sabato 5 gennaio 2019

Ninfee nere - Michel Bussi (2011)


Questo libro ed io ci siamo girati attorno per un po' nel classico tiraemolla di ti prendo, non ti prendo, ho tanti libri da leggere, ma è super consigliato.
Image result for ninfee nere
Alla fine, complice una razzia da orda barbara in una libreria dell'usato, l'ho preso e, ovviamente, letto.
Devo dare una riflessione preliminare: tutti i libri di genere - fantasy, giallo, fantascienza ecc. - soffrono tragicamente dell sindrome dell'originalità ad ogni costo. Quello che intendo è che scrivere un libro che si può inquadrare in un certo genere pone dei paletti ben precisi, il vero talento è partire da presupposti noti per offrire uno spunto originale, sorprendente. Ad esempio il giallo, categoria in cui va inserito questo libro,  ha tutte una serie di regole e meccanismi (delitto che porta ad un'indagine - colpo di scena - risoluzione del mistero) da cui non ci si può discostare per non tradire il genere. 
Conseguenza è che anche in questo libro c'è un omicidio, che ne evoca un più antico e sembra provocarne un altro che però nessuno sembra riconoscere come tale; un'indagine, che ad un certo punto triplica coinvolgendo il titolare della polizia, un ispettore in pensione e la voce narrante che ha molte più informazioni di quelle che condivide con il lettore e segue la storia con quello che sembra una curiosità appassionata; più di un mistero e un tesoro nascosto e poi lo svelamento che distrugge tutte le certezze dei lettori.

So che sembra molto complicato e posso dire che diventa appassionante solo quando, appena finito, lo si guarda nella globalità. Devo ammettere che per tre quarti mi è sembrato un libro banalotto che si faceva leggere ma che non mi dava niente di più di bellissimi paesaggi e un ricordo romanzato del magico ritiro a Giverny di Monet. Si è totalmente in balia del punto di vista e quindi delle informazioni che la donna anziana che fa da narratrice decide di svelarci e piano piano ci si rende conto che non è un'osservatrice neutrale ed esterna alla storia, anzi, ha molti interessi e molti segreti da nascondere.
Solo nella conclusione, che ovviamente non svelerò, tutti i pezzi del puzzle si incastrano e il quadro torna a essere chiaro.

Consiglio di lettura: l'idea è molto bella, l'ambiente è estremamente ben pennellato e la scelta di legarlo ad un pezzo di storia dell'arte così affascinante è ben riuscito. Non posso dire però che sia un capolavoro che tiene avvinti alle pagine e da cui non ci si può staccare. L'ho finito (e ho vinto il premio della conclusione davvero ben congegnata) solo per pura forza d'animo. Non è noioso, solo un po' inutile per la maggior parte del tempo.
Consiglio però di resistere resistere resistere per farsi stupire dalla soluzione del mistero. Il tocco di originalità che riscatta una lettura che oso dire mediocre.

E io cosa leggo adesso?

Reading challenge 2019 - il ritorno

Ci riprovo.
L'anno scorso è stato un vero e proprio disastro.... ma diciamo che è stato un anno particolarmente complicato dal punto di vista lavorativo e dal punto di vista familiare.
Però uno dei buoni propositi di quest'anno è tenere vivo questo blog a cui sono sempre stata molto affezionata.

Quindi eccomi qui a riproporre la stessa tabella dell'anno scorso, sperando di fare un po' meglio... non è difficile, eh!

Un libro di Dickens

Un libro pubblicato nel 2019

Un saggio

Un Horror

Ninfee Nere,
 Michel Bussi

Una distopia

Un libro con più di 500 pagine

Un libro con più di 800 pagine

Un libro scelto per te

Un libro africano

Un libro giapponese

Un libro di tematica gay

Un libro di autore anonimo
Un libro scritto prima della nascita di Cristo
Un libro “condiviso”
Una serie
Un libro regalato
Un libro di racconti
Due libri “consonanti”
Un Premio Pulitzer
Un libro che hai abbandonato
Un libro di tematica femminista
Un libro prestato
Un libro presente nella lista del Guardian
Un libro di autore anonimo
Un libro da cui è stato tratto un film
Un Premio Nobel
Un libro che pensi di odiare

Un libro di poesia
Un Premio Strega

E voi ce l'avete la vostra lista di libri da leggere?


E io cosa leggo adesso?

mercoledì 12 dicembre 2018

The outsider - Stephen King (2018)

Solo il Re poteva operare il miracolo: far risorgere un blog che ormai davo per archiviato. L'ultimo post è del febbraio di quest'anno... un mese dopo quel post è mancato mio padre e con lui la voglia di prendere in mano un libro per svagarmi. In questi mesi ho letto i libri del gruppo di lettura che è stato un ottimo modo per tenermi ancorata alla lettura e ho fatto altro. Poi sono inciampata - grazie al regalo della mia alto potenziale preferita - nell'ultimo lavoro di uno dei miei autori del cuore e ho deciso che era ora di svagarmi e onorare così la memoria di chi a casa aveva sempre un libro in mano e gli occhiali da lettura sul naso.
Image result for the outsiderStephen King non è Dostoevskij ma sa ancora costruire una storia come un bravo artigiano che sa il proprio mestiere. Prima di tutto consiglio caldamente di leggerlo dopo la trilogia di Mr Mercedes perché ad un certo punto uno dei personaggi principali fa capolino nella storia e fa riferimento agli eventi già narrati. Quei libri e questo sono anche legati dalla svolta investigativa che hanno preso le ultime opere di King. Anche in questo caso c'è un mistero che va svelato e solo degli investigatori professionisti ne possono venire a capo... forse.
Non fa mancare nessuno dei suoi tratti salienti: la cittadina sonnolenta che si risveglia nell'orrore, persone comuni, sovrappeso, con carriere mediocri che vengono trascinate volenti o nolenti in qualcosa di fuori dall'ordinario, lo splatter delle descrizioni truculente e bambini che ci vanno in mezzo.
Il romanzo si apre con un terribile omicidio perpetrato da un mostro che si è accanito con una violenza disgustosa su un ragazzino. Il dramma è che tutti i sospetti si concentrano su un uomo che fino a quel momento era stato pilastro della società e allenatore delle squadre giovanili della cittadina. Sono tutti pronti a puntare il dito e al linciaggio e poi... beh, da qui in avanti è tutto spoiler!
Vorrei solo dire che la storia è ben costruita, al punto che potrebbe essere abbastanza prevedibile come cadono gli eventi come tessere di domino, ma è proprio quello che ti spinge a continuare a leggere: andrà proprio così o ci sarà qualcosa di imprevisto?
Anche il ritmo è ben bilanciato. Di solito i suoi libri sono lentissimi all'inizio con finali velocissimi e invece qui il ritmo è serrato ma senza accelerate improvvise e stordenti. 
Consiglio assolutamente a chi ha apprezzato Mr Mercedes e seguiti.

E io cosa leggo adesso?

venerdì 9 febbraio 2018

Biografia del figlio cambiato - Andrea Camilleri (2000)

Risultati immagini per biografia del figlio cambiatoPer un'appassionata  di Pirandello come me questa è una lettura imprescindibile per cogliere la biografia dell'uomo dietro il drammaturgo e romanziere.

Andrea Camilleri ci prende per mano e ci accompagna per tutto il viaggio intenso della vita del narratore che ha messo in romanzo i meccanismi della psicanalisi e della finzione nella vita quotidiana. 
Il dipanarsi della lingua, dall'uso del siciliano all'inizio del libro fino ad un dissolversi del dialetto in un italiano senza inflessioni, è un elemento tipico della scrittura di Camilleri. La lingua, per l'autore, è una creatura viva che influisce profondamente sull'espressione e sulla visione del mondo di chi la parla. Pirandello non avrebbe scritto quello che ha scritto se non avesse parlato siciliano e non fosse nato a pochi chilometri da Porto Empedocle in quel tratto di campagna nominata Caos. 

Camilleri trasforma l'autore dei Sei personaggi in cerca d'autore in un personaggio lui stesso e ci racconta la sua storia e i suoi moti interiori come se fosse il romanzo della sua vita. 
Il punto di partenza è, come in un gioco di scatole cinesi, una storia inserita nel racconto romanzato della vita di un romanziere. Quella che viene raccontata è il classico mito di sostituzione di figli in culla. Così, dalla storia della sua nutrice, il piccolo Luigi si convince di essere un figlio cambiato, di non appartenere davvero a Stefano, suo padre, per giustificare le innumerevoli differenze che li separano.

Vengono raccontati i fatti salienti della vita di Pirandello esattamente cose si racconterebbero quelli di un personaggio di un romanzo, trasformando episodi della sua biografia in visioni quasi mitiche, oniriche, come, ad esempio, il rapporto sessuale che da bambino avrebbe spiato in una piccionaia.

Di particolare attenzione è la descrizione del rapporto antitetico con il padre e con la madre del giovane Pirandello e come questi rapporti si replichino con i suoi figli. Nonostante il desiderio profondo di essere accettato da suo padre, Pirandello, a sua volta, vuole cambiare lo stile pittorico del figlio per renderlo più simile al suo, come se solo lui avesse la verità in tasca. 

Consiglio di lettura: è un libro appassionante per diversi motivi: prima di tutto per chi apprezza il Pirandello scrittore troverà tanti spunti di riflessione e di provenienza delle sue opere (famosa è l'ispirazione che proviene dalla vicenda tragica della follia di sua moglie che si rispecchia in tutti i folli più o meno consapevoli della sua opera); poi c'è il talento indiscusso di affabulatore di Camilleri che ci regala un ritratto intenso dell'uomo e dell'autore.
E' un romanzo e una biografia assieme, senza avere i difetti della biografia romanzata.
Una lettura imprescindibile.


E io cosa leggo adesso?

domenica 21 gennaio 2018

Camere separate - Pier Vittorio Tondelli (1989)

Quando ho postato la tabella della Reading Challenge pensavo che me la sarei presa con molta calma e, invece, il primo libro che mi è venuto in mano sarebbe stato perfetto per la mia piccola personale sfida. 
Certo, la tematica gay è come piovere sul bagnato in questa casa... abbiamo tutta una serie di libri di letteratura LGBT+ da far invidia ad un circolo Arci. 
Di Tondelli in particolare non sapevo niente tranne che scrivesse libri dove ci sono ragazzi che si baciano. Perfetto per iniziare l'anno con la giusta serenità! 

Risultati immagini per camere separate tondelli

Lasciando da parte le sciocchezze, la lettura di questo libro mi ha aperto una finestra su un momento storico della letteratura italiana recente che, per questioni anagrafiche, ho perso di poco: la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90. Erano gli anni di Drive In, gli anni di De Mita in discoteca, di Craxi prima di Mani Pulite... e gli anni di Tondelli. Scrittore di romanzi e di teatro, curatore di una collana Under 25 per scrittori esordienti e un viveur di relazioni omoerotiche in un ambiente vivace e rilassato della Roma del secondo boom economico. Era uno scrittore omosessuale prima che si creasse l'idea di Comunità, di Movimento e lui difende, giustamente, a spada tratta questo libro perché non sia incasellato come libro omosessuale ma come libro sull'amore.

Questo è proprio un libro sull'amore, sull'abbandono, sulla solitudine e sull'egoismo. E' costruito come una sonata in tre movimenti perché non c'è uno sviluppo cronologico della storia, ma parte dal climax tragico, la morte dell'amato, e ricostruisce con un andamento ondivago lo sprofondamento nel lutto e nella solitudine del sopravvissuto e la sua faticosissima risalita.
Questo libro non ha una risoluzione finale, perché non c'è fine finché c'è vita, c'è solo la descrizione di un percorso di approfondimento e di scoperta di sé.

 Il libro si apre con l'immagine di Leo che si specchia in un oblò e si vede trentenne; questa non  è solo una condizione anagrafica, ma soprattutto intima, mentale. Ripete più volte che il compimento dei trent'anni porta ad una riflessione profonda sul cambiamento, sulla perdita delle illusioni, sulle occasioni che non si ripresentano e le strade che via via si chiudono davanti.
Cita spesso nelle interviste una frase di Ingeborg Bachmann che fa un po' da epigrafe a questo testo e al sentimento strisciante che accompagna Leo in tutto il suo percorso:

Quando un uomo si avvicina al suo trentesimo anno di età, nessuno smette di dire che è giovane. Ma lui, per quanto non riesca a scoprire in se stesso nessun cambiamento, diventa insicuro; ha l'impressione che non gli si addica più definirsi giovane. Sprofonda e sprofonda.

Alla soglia dei quaranta posso dire che la sensazione è la stessa; l'impressione è quella di aver perso la maggior parte delle occasioni e che quello che rimane debba essere coltivato con cura. Ci si guarda indietro e si spera di aver costruito abbastanza relazioni, accantonato abbastanza esperienze e vissuto abbastanza da non soccombere ai rimpianti. Per fortuna poi i momenti neri passano e, come il libro, c'è un'alba di vita ad aspettarci quando meno pensiamo.

C'è molto di autobiografico in questo libro anche se non viene mai dichiarato, ma è difficile pensare altrimenti. Leo è uno scrittore e tutta la sua vita è filtrata attraverso la scrittura in cui trova sollievo e ordine allo scorrere incessante del tempo. Tondelli quindi ci racconta la sua idea di scrittura come strumento salvifico ma, insieme, come spazio di separazione dal reale e dalla vita.
C'è questa ambivalenza del rifugiarsi nella scrittura per non soccombere al reale, ma anche che lo scrittore è un emarginato, un separato, un solitario e che non può vivere con gli altri, perché è fatto di altra materia.

Questo è un libro sull'amore, ma un'idea che non condivo dell'amore: quella che il sentimento sopravviva solo nella separazione, sono mantenendo le camere separate come da titolo. Leo e Thomas vivono la loro passione a distanza, Leo a Milano e Thomas a Colonia ma questo sembra andare bene sono a Leo perché Thomas soffre questa situazione fino a trovare una soluzione alternativa. Io non posso concepire l'amore a distanza, per me una relazione matura, vitale, si costruisce in presenza, tutti i giorni, anche nei piccoli scontri o nelle grandi litigate. Solo la quotidianità trasforma un innamoramento - in cui idealizziamo l'altro e lo plasmiamo attorno alla nostra idea dell'amore - in un amore vero e maturo, in cui riusciamo a superare l'ideale per incontrare il vero altro da sé.

Questo è anche un libro sul lutto, sulla solitudine dopo aver perso la persona amata. Come si fa a ricostruire la propria vita dopo essere stato amputato di una parte di sé? Bisogna riuscire a trovare un equilibrio dentro di sé dopo aver avuto una parte del cuore a spasso per il mondo, fuori di sé. Leo si ritrova - dopo essersi totalmente isolato e aver allontanato tutti i suoi amici - attraverso la scrittura e il ritorno in seno alla famiglia. Le pagine sulla scrittura come rifugio e il racconto della processione della Passione nel suo paese natale sono dense di lirismo, poetiche.

Tondelli mette in bocca a Thomas la ferocia che ci può essere nell'amore, nell'essere amato da qualcuno che usa la scrittura come un bisturi per sezionare l'amore:

Tu mi vuoi tenere lontano per potermi scrivere. Se io vivessi con te, non scriveresti le tue lettere. E non mi potresti pensare come un personaggio della tua messinscena. Deve esserci qualcosa di sbagliato anche in me se accetto di amarti a questo prezzo... A volte ti penso come un avvoltoio. E mi fai paura. E' come se tu avessi bisogno ogni giorno di carne fresca con cui cibarti. Per fare questo tu laceri, squarci, strappi via. Non ti chiedi chi sia la tua vittima, né se ti sia amica o ti ami o ti sia, al più, indifferente. C'è una voracità, che hai con le persone che ti vivono intorno, che mi spaventa. E questo tanto più perché io so quanto, dentro di te, ci sia solamente un fondo di sincera bontà.


In fondo al libro ci sono una serie di interviste e commenti che approfondiscono l'analisi di questo testo e, in uno di questi, Tondelli spiega con molta cura come mai questo tipo di libro, in cui le uniche donne che appaiono sono la madre e una compagna, possa piacere ad un pubblico femminile:

D: Così come Leo cerca continuamente di capire le ragioni della diversità. Solitudine, scrittura omosessualità: in che cosa consiste la diversità che Leo avverte nei confronti degli altri?
R: Certamente non nel fatto di amare un altro uomo. Siamo tutti uguali di fronte all'amore. Amiamo tutti allo stesso modo. La differenza la fa la famiglia, l'ambiente, l'educazione. Mi ha detto il mio editore francese che, secondo lui, il libro piacerà molto alle donne. A me in un primo momento è venuto da ridere pensando che non c'è nemmeno una donna nel romando. Poi, però, mi ha spiegato e ha detto che il libro mostra un uomo com'è, come ama, come soffre: le sue debolezza, i suoi slanci, il suo pianto. E questo, in effetti, può piacere alle donne, Le dinamiche d'amore, in fin dei conti, sono sempre uguali, in ogni rapporto: anche quando questo non è vidimato socialmente.

Consiglio di lettura:  devo dire che mi aspettavo molto poco da questo libro. Avevo voglia di una lettura un po' frivola e invece è un romanzo intenso che ha toccato molti punti sensibili: lo scorrere del tempo, la perdita della persona amata, l'idea dell'amore, l'essere diverso dentro la società, la scrittura come porto sicuro che salva dalle tempeste della vita. E' un libro che consiglio caldamente, perché come dice Tondelli: Le dinamiche d'amore, in fin dei conti, sono sempre uguali, in ogni rapporto: anche quando questo non è vidimato socialmente.

E io cosa leggo adesso?

lunedì 8 gennaio 2018

Reading Challenge 2018

Ci sono caduta anch'io...

una Reading Challenge tutta mia!

L'obiettivo personale non è tanto leggere  tutti i libri della lista, ma riuscire a bloggare tutti quelli che leggo. Non è la mancanza di voglia, è lo sforzo mentale di raccogliere le idee che ogni tanto mi frena.
Qui di seguito lo schema a cui cercherò di attenermi per questo 2018 di letture.


Un libro di Dickens
Un libro pubblicato nel 2018

Un saggio
Un Horror
Un Giallo
Una distopia

Un libro con più di 500 pagine
Un libro con più di 800 pagine
Un libro scelto per te

Un libro africano
Un libro giapponese
Camere separate - Pier Vittorio Tondelli (1989)
Un libro di autore anonimo
Una serie
Due libri consonanti
Un libro di tematica femminista

Un libro che pensi di odiare

Un libro scritto prima della nascita di Cristo

Un Premio Pulitzer
Un libro prestato

Un libro regalato

Un libro di racconti
Un libro che avresti dovuto leggere

Un libro da cui è stato tratto un film
Un libro di poesia

Un libro condiviso

Un libro che hai abbandonato
Un libro presente nella lista del Guardian
Un Premio Nobel
Un Premio Strega